Trattamenti primari

I primi trattamenti, utili per rimuovere i solidi, comprendono la grigliatura (grossolana e fine) e la sedimentazione. Nel primo caso vengono rimossi i solidi che potrebbero causare intasamenti alle tubazioni e alle pompe; nel secondo caso avviene la separazione per gravità dei solidi sedimentabili.

Giotto Water propone griglie a tamburo rotante e a dischi.

CELLVATION®

La tecnologia Cellvation® consiste in un’integrazione innovativa di diverse fasi tecnologiche, come fase primaria del trattamento delle acque reflue, in grado di valorizzare la depurazione e recuperare cellulosa commerciabile. In particolare, partendo da acque di scarico grezze, sono previste sezioni per la rimozione della sabbia, lavaggio della cellulosa e comparti tecnologici comprensivi di vaglio a nastro rotante e una pressa a vite.
Con il processo Cellvation® è possibile rimuovere la maggior parte dei contaminanti e produrre una cellulosa rivendibile, chiamata Recell®.
Recell® può essere usato per la produzione di additivi per la composizione di asfalto, formazione di bioplastiche e materiale isolante. Inoltre, lo scarto prodotto dal lavaggio della cellulosa può essere digerito per la produzione di biogas. In impianti sperimentali, su scala dimostrativa, questo residuo è già stato convertito in acidi grassi, bio-carburante e bio-carbone attivo.

16
CELLVATION®

Scopri di più

GRIGLIATURA FINE – ROTODRUM

Griglia fine a tamburo rotante ad alimentazione interna. Il liquame viene alimentato tangenzialmente alla griglia tramite una speciale cassa di distribuzione: i solidi sono trattenuti dalle barre filtranti, addensati e scaricati all’esterno in continuo, mentre il liquido filtra attraverso le spaziature tra le barre. Costruzione in acciaio inossidabile. Spaziature di filtrazione da 0,5 a 5 millimetri.

16
ROTODRUM

GRIGLIATURA FINE – DISCOSCREEN

Griglia fine a dischi rotanti in cui la sospensione da filtrare è incanalata tra due dischi accoppiati (da 1 a 6 coppie): mentre il liquame filtra attraverso la rete, i solidi vengono trattenuti, ispessiti e scaricati in continuo. Le reti e la struttura sono costruite in acciaio inossidabile.

17

DISCOSCREEN

Trattamenti biologici

Questi processi consentono di rimuovere le sostanze organiche biodegradabili (sospese e solubili) e di convertirle in fanghi sedimentabili e trattabili nella “linea fanghi”.

Giotto Water propone i biodischi.

BIODISCHI – CBR

Gli impianti a biodischi consentono il trattamento biologico di acque civili ed industriali con elevato rendimento, sia per l’abbattimento del carbonio che per i processi di nitrificazione e denitrificazione. L’utilizzo dei biodischi consente rilevanti risparmi di superficie, risolve i problemi di impatto ambientale, semplifica sensibilmente la gestione degli impianti e riduce drasticamente i consumi energetici.

cbr

BIODISCHI