Disidratazione

Il fango liquido (concentrazione in solidi da 1 a 5%) viene concentrato sino ad ottenere un contenuto in solidi variabile dal 18 al 40%. Il prodotto disidratato ha consistenza solida e può essere movimentato e smaltito con relativa facilità.

Giotto Water propone un’ampia gamma di macchine progettate per soddisfare le specifiche esigenze, sia in applicazioni civili che industriali, come presse a nastro e presse a vite.

WR GREENLAND

Pressa a doppio nastro progettata per ottenere prestazioni in termini di secco finale e di portata trattabile irraggiungibili da altre presse a nastro. Questo risultato è reso possibile grazie all’incremento delle aree di filtrazione effettive ed all’innovativo disegno della zona di bassa pressione, con la combinazione di un sistema a cuneo lineare e di una a rullo (wedging roll). Le componenti meccaniche sono state progettate in modo di garantire un’affidabilità e continuità di esercizio anche nelle condizioni più gravose.

8

WR GREENLAND

CMF OPTIMA

Pressa a doppio nastro per la disidratazione di fanghi, sia di origine municipale che industriale. Il nuovo concetto di telaio modulare consente prestazioni superiori con ridotti costi di investimento, ottimizzando così il rapporto costi / benefici. Progettata in due versioni: “Standard”, per fanghi ispessiti a concentrazione normale, e “Cascade”, in abbinamento ad un ispessitore a nastro, per fanghi diluiti. La zona modulare ad alta pressione è normalmente disponibile ad 8 rulli: in opzione può essere facilmente trasformabile in 11 rulli, aggiungendo un modulo di telaio con 3 rulli per incrementare il valore di secco.

9

CMF OPTIMA

MDC

Pressa a doppio nastro per la disidratazione di fanghi biologici. Macchina compatta, completamente chiusa su 2 lati, con zona di pressatura ad “S” costituita da 6/8 rulli. Struttura semplice ed economica con ingombri minimi e rese ottimali. Disponibile con telaio in acciaio zincato o in acciaio inox ed in versione con pannelli di chiusura.

10

MDC

C

Pressa a doppio nastro progettata per la disidratazione di fanghi fibrosi sia primari che misti, quali i fanghi provenienti dal trattamento dei reflui di cartiera. Caratterizzata da una zona di alta pressione costituita da 7 rulli ad “S” di egual diametro; l’applicazione di un NIP finale di pressione permette di incrementare ulteriormente il secco finale fino a raggiungere valori superiori al 40%.

11

C

SD

Pressa a doppio nastro per fanghi inerti, espressamente disegnata per trattare alte portate con basse concentrazioni di secco in ingresso. L’ampia zona di gravità e il sistema di bassa pressione con rullo forato di grande diametro permettono di disidratare efficacemente anche i fanghi contenenti solidi molto fini ed instabili.

12

SD

 

2018-06-07T09:33:44+00:00 Trattamento Fanghi|